CHE COSA CAMBIERÀ CON LA NUOVA ISO 9001 :2015 , CHE FARE? ( Parte Terza)

Requisito 7 –Supporto

7.1 Risorse

Il 7.1.1 – Generalità ; ai concetti già noti di stabilire , implementare , mantenere e migliorare la nuova norma aggiunge in modo esplicito il concetto delle capacità che il personale dovrebbe possedere, non vi è un specifico richiesta di documentare la capacità del personale, ma è l’occasione per pensare  a come misurarle e renderle esplicite , vedi anche lavoro interinale , cooperative ecc. , pensiamo solo agli aspetti di interscambiabilità quanto impattano sulla organizzazione e sulla produttività .

Il 7.1.2 – Persone ; nulla di invariato rispetto al precedente 6.1- 6.2 in più le persone devono essere in grado di soddisfare i requisiti dei clienti e quelli normati per leggi e regolamenti .

Il 7.1.3 – Infrastrutture ; Nulla di nuovo

Il 7.1.4 – Ambiente per l’esecuzione dei processi ; Nulla di particolarmente nuovo

Il 7.1.5 – 7.1.5.17.1.5.2– Risorse per il monitoraggio e le misurazioni; requisito introdotto in FDIS  , richiama il vecchio 7.6 , vanno mantenute informazione documentate sulla taratura e manutenzione   delle risorse necessarie a verificare la conformità dei prodotti e servizi ivi compresi i controlli .

Il 7.1.6 – Conoscenza organizzativa ;  nuovo requisito introdotto in FDIS , è un requisito molto ampio nella sua dizione , include le conoscenze interne possedute (intellettuali, esperienza , le conoscenze dovute al miglioramento ecc,) ma anche le fonti esterne ( norme , fornitori ecc.) , non è richiesto di documentare il come sono mantenute , ma io farei una riflessione del tipo, le modifiche di processo e prodotto , gli insuccessi , le modalità di conduzione , le esperienze non sono le fonti che permettono di mantenere la cultura aziendale e tracciarne la sua evoluzione? Allora mi chiedo , un corretto utilizzo  di  strumenti strutturati di analisi delle cause , dei possibili modi di guasto ed effetti per il cliente, di  raccolta dei dati statistici ecc . non permetterebbero all’impresa di pianificare le modifiche sulla base di conoscenze e esperienze molte volte trite e trite?

Il 7.2 – Competenze; non si discosta dal punto 6.2 della vecchia norma , vanno mantenute informazioni documentate sulla competenza acquisita ed inoltre estende il requisito al personale interinale e ai fornitori esterni vedi anche il punto 8.4.3. Questo è un punto che molte organizzazione dovrebbero riconsiderare , la formazione è la vera scommessa per lo crescita consapevole , saper cogliere le sfide necessita aggiornare le conoscenze , in particolare non sottovaluterei i concetti e i metodi per panificare le attività  quali :  il problem solving ,il PDCA e  i concetti statistici .

Il 7.3 – Consapevolezza ; un aspetto interessante che introduce la nuova norma è il concetto di “consapevolezza”  cioè,  garantire in tutte le fasi del processo il rispetto dei requisiti del cliente. La norma ci chiede di portare alla conoscenza di tutti gli attori quali possono essere le implicazioni degli errori, misure, controlli ecc. che possono capitare nel processo, sulla soddisfazione del cliente  e soprattutto  quali rischi per l’organizzazione . Cosa, come e quando il cliente può rilevare o percepire un servizio o prodotto non conforme e quale impatto ha sulla catena di fornitura ed inoltre valutiamo le problematiche di immissione sul mercato e le differenti richieste  per paese di destinazione degli aspetti regolamentati e a tutte le loro implicazioni fino alla possibile perdita a livello reputazionale.

Il 7.4 – Comunicazione ; esteso il requisto rispetto il vecchio 5.3.3 al contesto , non sottovalutiamo l’aspetto quando si intraprendono rapporti con nuove aziende,  p.e . software di comunicazioni ordini  , modalità di identificazione ecc.,  per gli impatti che potrebbero avere sul nostro sistema .

Il 7.5 – Informazioni documentate ; nulla di nuovo per la identificazione , distribuzione ecc. , la nuova ISO9001 introduce il concetto, tutto ciò che serve nel formato più idoneo è una informazione documentata, tutto ciò che dà evidenza del fare sono (ex registrazioni) informazioni documentate .

La nuova norma chiede che ci siano informazioni documentate per;

·         lo scopo campo di applicazione,

·         i processi,

·         la politica ,

·         strumentazione (taratura e manutenzione su tutto ciò che impatta sui requisiti del cliente),

·         competenze,

·         riesame dell’ordine ,

·         progettazione e sviluppo,

·         produzione e erogazione dei servizi  (caratteristiche dei prodotti , cicli e loro controlli , strumentazioni e mezzi) ,

·         valutazioni e monitoraggio dei fornitori,

·         documentazione di rilascio del prodotto /servizio,

·         registrazioni per la gestione delle non conformità,

·         registrazioni  sul monitoraggio , misurazione, analisi e valutazioni,

·         audit interni.

·         riesame della Direzione,

·         non conformità , azioni correttive

Potrebbe essere una occasione per l’organizzazione di eliminare o riscrivere quelle documentazioni ridondanti e passare a un sistema documentale snello e supportato da sistemi visivi che facilitino la comprensione .

Che cosa tenere o che cosa aggiungere ? Tutto ciò che serve a mantenere la conoscenza in azienda e trasferirla , tutto ciò che serve a prevenire possibili errori nel formato e nel modo più idoneo.

Il cassetto di procedure mai lette, forse è il momento di girarlo sottosopra e dargli una bella resettata.

Altro tema chiave sono le registrazioni , non sottovalutiamole per quanto riguarda la rintracciabilità , la qualità del dato , la presa di coscienza e responsabilità nel dichiararlo sono temi chiave anche perché senza dati è difficile fare miglioramento.

Contatti

Saytech NetWork di Vincenzo Colacino Manlio
Sede fiscale: P.zza Vittorio Veneto,7 – 36076 Recoaro Terme (VI)
Uffici: Via Siena, 9 36070 Castelgomberto (VI)

mobile +39 348 2323962
P. IVA 02173370244 C.F. CLC VCN 58E 11 I625Z